Sui Cechi

A prima impressione i Cechi potrebbero sembrare poco socievoli: il servizio nei negozi o nei ristoranti è fornito senza sorridere e i passeggeri in metropolitana o tram si occupano solo delle loro faccende. Tuttavia dopo aver visitato alcuni pub, luoghi di socializzazione, club o essere andati a casa di amici, è garantito che ne ricaverete una impressione molto diversa. Sarete in grado di capire il loro senso di umorismo e rivaluterete la cortesia dei Cechi. Il fatto è che la maggior parte dei cechi sono riservati, sicuri di sé e tranquilli – almeno fino a quando non arrivano al pub e non si lasciano alle spalle la giornata di duro lavoro – raramente aggressivi o attacca brighe.

I Cechi sono un popolo slavo occidentale dell’Europa centrale, che vivono prevalentemente nella Repubblica ceca. Piccole minoranze di cechi vivono in Slovacchia, Austria, Stati Uniti, Brasile, Argentina, Canada, Germania, Russia e altri paesi. I Cechi parlano la lingua Ceca, che è strettamente legata alla lingua Slovacca e alla lingua Lusaziana superiore.

 

Razzismo

Ascoltando i discorsi della gente comune, potreste rimanere scioccati dal fatto che i Cechi hanno pregiudizi contro la popolazione rom, che la gente è pronta a biasimare per i problemi della città. Anche se il razzismo nei confronti dei turisti è raro, tuttavia si sono verificate alcune aggressioni da parte di skinheads contro persone di pelle scura.

 

Buone maniere per quando si va in visita in casa altrui

• Quando si è invitati a cena a casa di un Ceco, si è soliti portare dei fiori come dono. Se volete, insieme ai fiori potete portare una bottiglia di vino, ma non è obbligatorio.

• Togliersi le scarpe ogni volta che si entra in casa di qualcuno, a meno che l’ospite insista altrimenti. Il padrone di casa di solito vi offrirà delle pantofole da indossare al posto delle scarpe.

• Fiori dovrebbe essere offerti in numero dispari (1, 3, 5, 7, ecc), a meno che non siano per un funerale. In questo caso devono essere in numero pari. I Crisantemi si usano solamente per adornare le pietre tombali, mentre i Garofani rossi tendono ad essere visti come “fiori comunisti”, quindi è meglio evitare di regalarli.

• Rimuovere sempre la carta dal mazzo di fiori prima di consegnarli.

• E’ considerato scortese lasciare cibo nel piatto, quindi cercate di finire il pasto. Probabilmente vi verrà offerto di prendere ancora altro cibo, ma se siete veramente sazi, è possibile rifiutare gentilmente.

 

Etichetta dell’incontrarsi e salutare

• Quando si entra in un negozio di qualsiasi genere, si dovrebbe salutare il venditore dicendo Dobry den (Buon giorno); questo saluto si usa fino al tardo pomeriggio. Dopo le sei di sera, invece, si è soliti dire Dobry Vecer (Buona sera). Uscendo da un negozio, si dice sempre Na shledanou (Goodbye). Molte persone fanno lo stesso quando entrano ed escono da uno studio medico, da un scompartimento ferroviario o anche dall’ascensore.

• Si dovrebbe anche salutare i vostri vicini di casa o i colleghi in ufficio con la frase appropriata.

• Nella Repubblica Ceca, i tituly (titoli) della gente sono presi molto seriamente, quindi non stupitevi se qualcuno si rivolge, come pan inženýr (Signor Ingegnere) o pani doktorka (Signor Dottore). Il titolo di dottore non si riferisce solo ai medici: tutti coloro che hanno un laurea – in particolare gli avvocati – sono considerati dottori.

• Salutate una persona che avete appena incontrato con una stretta di mano. In successive riunioni, le donne spesso per salutarsi si baciano sulle guance.

• Nota bene: Gli stranieri hanno la tendenza a utilizzare il saluto informale (ahoj) troppo in fretta. Continuate a usare Dobry den e Dobry Vecer finché non siete sicuri di avere suffieciente confidenza con l’altra persona.

• Non parlare di comunismo. Molti cechi preferiscono dimenticare questa parte della storia.

PAT

Check Also

Ricarico nei Ristoranti

Tenete sempre ben presente che nei ristoranti di Praga niente è gratis: se il cameriere vi offre delle patatine fritte, e voi accettate, queste vi verranno addebitate. Pane, maionese, salse: tutto ha il suo prezzo. Molti ristoranti prevedono inoltre il costo del servizio, chiamato anche ‘coperto’, che ogni cliente deve pagare indipendentemente da ciò che mangia e anche se non mangia nulla. Non si tratta di una truffa, semplicemente così è come funzionano le cose.