Storia

Praga è stata per secoli la capitale dell’antico regno della Boemia. A metà del XIV secolo, Praga era il centro del Sacro Romano Impero e la terza città d’Europa in termini di popolazione. Il regno di Carlo IV fu l’età dell’oro nella storia ceca. La fine di questo periodo, tuttavia, portò conflitti economici e politici nell’area poiché gli hussiti protestanti, ispirati dalle idee del riformatore religioso Jan Hus, si scontrarono con i crociati inviati dalla chiesa cattolica nel XV secolo. Nel XVI secolo la città era un importante centro della corte asburgica e nel 1918 divenne la capitale del nuovo paese indipendente della Cecoslovacchia. Questo nuovo paese, guidato dal presidente Tomáš Garrigue Masaryk, conobbe un boom e la Cecoslovacchia divenne una delle dieci nazioni più ricche del mondo. L’occupazione nazista della Boemia e della Moravia fu disastrosa per la Cecoslovacchia, lasciando intatti solo i bellissimi edifici del paese. Dopo la Seconda guerra mondiale, la restaurata Repubblica cecoslovacca cadde sotto l’influenza sovietica. Un tentativo di riformare e umanizzare il sistema comunista, noto come Primavera di Praga, fallì miseramente quando le forze russe invasero il paese nell’agosto 1968. Gli anni ‘70 e ‘80 furono tempi soffocati per molti cecoslovacchi, che crearono la propria controcultura dissidente. Le proteste di massa e le manifestazioni a Praga portarono al rovesciamento incruento del regime comunista nel novembre 1989, noto anche come Rivoluzione di velluto. Con caduta della Cortina di ferro nel 1989, Praga svelò la sua ricchezza nascosta di tesori bohémien e inviò un invito al resto del mondo. Successivamente, il 1° Maggio 2014, la Repubblica Ceca è entrata a far parte dell’UE.

Back to top button