Storia

La comunità ebraica di Moravia

Mentre i cimiteri ebrei e le sinagoghe di Praga hanno attirato turisti per molti anni, gli altri centri ebraici in Repubblica Ceca sono stati riscoperti solo di recente. Le terre ceche avevano un’ampia comunità ebraica già durante il primo periodo medievale e, nel 1254, agli ebrei era stata data protezione tramite una carta emessa da re Přemysl Otakar II. Tuttavia non fu sufficiente — gli ebrei ancora soffrivano discriminazioni e abusi come era accaduto in altre parti d’Europa.

Nonostante occasionali massacri ed espulsioni, la cultura ebraica è stato in grado di fiorire. Nel 1938, la popolazione ebraica in Boemia e Moravia ammontava a circa 120000 persone; l’enorme scala della principale sinagoga di Brno rende bene l’idea della ricchezza e della dimensione della comunità ebraica locale. L’Olocausto e la Seconda Guerra Mondiale distrusse quella comunità; con lo sterminio di più del 50% della popolazione. Molti dei sopravvissuti si allontanò dopo la fine della guerra, e la maggior parte abbandonò il Paese nel 1968, quando l’invasione russa spazzò via ogni speranza di libertà. In quei giorni, i numeri della popolazione ebraica sono difficili da valutare, ma si pensa che circa 6000 persone. Durante il periodo comunista, questa comunità mantenne un profilo basso, anche se dal 1989, Moravia e Boemia hanno celebrato ciò che resta di questa fiorente cultura. Molte sinagoghe sono state distrutte dai nazisti e alcune sono state convertite per essere utilizzate per altri scopi. Tuttavia, alcune ancora sopravvissero, così come alcuni cimiteri – le cui pietre tombali risalgono a tre secoli prima. Non esiste città in Moravia che non abbia una parte di storia ebraica, ecco di seguito alcuni luoghi salienti:

Boskovice

Boskovice

A Boskovice, a nord di Brno, il cimitero ha pietre tombali che risalgono al XVII secolo. Queste pietre tombali sono disposte in fila lungo la collina boscosa, una zona tranquilla e suggestiva. (Rivolgetevi al centro informazioni del comune per accedere al complesso) e numerose case ebraiche si affacciano su via Plačkova.

Holešov

HolesovA Holešov, a nord di Zlín, la sinagoga ebraica (chiusa il lunedì) si affaccia su Striční, poco lontano dell’ufficio informazioni nella piazza principale Náměstí E Beneša. Chiamata sinagoga Šachova, da uno dei suoi rabbini più noti, questo edificio risale al 1560. Tuttavia, all’interno sono meravigliose le iscrizioni in ebraico del XVIII secolo sul muro. La galleria è stata trasformata in un museo compatto. La parte posteriore del Striční, verso Hankého, si trova l’ingresso del cimitero ebraico. Alcune delle più recenti pietre tombali sono un ricordo struggente degli ebrei moravi non sono stati completamente sterminati nel 1945. Centinaia di pietre tombali più vecchie, che risalgono al XVII secolo, sono disposte in ordine sparso.

Mikulov

Già a partire dal 1369, si conosce l’esistenza di una comunità ebraica Mikulov, vicino al confine con l’Austria, a sud di Brno. Per tutto il XIX secolo, questo numero è aumentato fino a 3500 persone. Rari i monumenti superstiti, la quattrocentesca sinagoga Husova Thirteen e il cimitero ebraico di Brněnská.

Třebíč

Trebic

Vicino alla basilica di San Procopio, su una collina che si affaccia su Třebíč, c’era il quartiere ebraico. Nel 2003, sia il quartiere che la basilica sono stati dichiarati patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Un paio di sinagoghe — l’una su Tiché náměstí dal 1639 e l’altra in Bohuslavova 42 — rimangono ancora. : la prima ospita il più grande cimitero ebraico lontano da Praga di tutta la Repubblica Ceca , con più di 3000 pietre tombali risalenti al 1640.

Articoli Correlati

Leggi anche
Close
Back to top button