Home / Storia / Praga sotto il Regime Comunista

Praga sotto il Regime Comunista

Dopo la guerra la Cecoslovacchia era un paese libero, guidato dal Presidente Beneš fino all’inizio della Guerra Fredda. La Guerra Fredda però ha portato molti in Cecoslovacchia ad esprimere una preferenza verso l’ideologia comunista che stava cominciando a guadagnare consensi in tutto il resto della regione e, crescendo in pochi anni, nel 1948, Edvard Beneš si dimise dalla sua posizione e consentì l’indiscussa ascesa del partito comunista che assunse il controllo del Paese, con il Presidente Klement Gottwald.

Quando il partito comunista giunse al potere, 3,5 milioni di tedeschi che vivevano in Cecoslovacchia furono costretti a tornare in Germania, nonostante il fatto che i loro antenati avessere vissuto in Cecoslovacchia per molte generazioni. Nelle zone dove tutto questo è accaduto – Sudetenland – le implicazioni politiche e sociali di questo atto sono molto sentite, portando a una serie di discussioni rimanendo circa la legittimità e l’etica di quest’ atto di forza.

Il partito comunista fu al potere per 41 anni, dal 1948 fino al 1989, e in tutto questo periodo non molto è successo in ambito politico nel Paese. Praticamente tutte le proprietà private furono confiscate dal governo e i cittadini cechi furono privati delle elementari libertà consolidate in molti altri Paesi dell’Europa occidentale. Il Paese era controllato con la forza della paura e le persone avevano paura di intervenire contro coloro che li governavano con questo pugno di ferro.

Praga sotto il Regime Comunista

L’unico evento che si è verificato durante questo lungo periodo di dominio per ispirare la speranza nei cuori del popolo ceco si è verificato nel 1968 ed è conosciuta come la rivolta della primavera di Praga. Questo è stato stimolato dalla chiamata dal presidente Alexander Dubček per dare un “volto umano” al socialismo e ha spinto milioni di persone a partecipare a manifestazioni e proteste a sostegno dell’idea. Poco dopo a Dubček fu chiesto di visitare Mosca e, quando tornò, tutti i progetti in tal senso vennero azzerati, e giunsero i carri armati russi per le strade di Praga per scoraggiare i rivoltosi sostenitori di tale politica. Dubček venne rimosso, e fu sostituito da Gustav Husák, che guidò il Paese durante gli anni ’70 e ‘ 80.

La dura repressione della rivolta del primavera di Praga ha fatto piazza pulita della resistenza solo superficialmente, in realtà, tenendo un profilo più basso, la resistenza continuò. Emerse un gruppo chiamato Carta 77 e guidarono il sistema politico fino alla caduta del comunismo.

PAT

Check Also

L’Uccisione di Reinhard Heydrich

Nel mese di settembre del 1941, Reinhard Heydrich, una della menti dietro la Shoah, numero 2 in comando delle SS e favorito personale di Hitler, accettò di sostituire l'inefficace Otto Neurath, come governatore della Repubblica Ceca. Heydrich comprese a fondo la parte che il Protettorato di Boemia e Moravia, sponsorizzato dai nazisti, avrebbe avuto negli sforzi bellici della Germania, dato che questa grande area industriale comprendeva due delle più grandi fabbriche di armamenti d’Europa, una a Brno, e l'altra a Pilsen.