Václav Havel

Václav HavelVáclav Havel era un drammaturgo ed ex-dissidente, che arrivò a diventare il presidente della nazione della Cecoslovacchia mentre compiva la sua transizione verso la democrazia e un’economia basata sul libero mercato.

Václav Havel era un accanito fumatore, un uomo dall’aspetto trasandato che amava vivere una vita tranquilla. Per queste ragioni, era stato considerato un candidato improbabile per guidare la Cecoslovacchia fuori del regime comunista. Era stato fortemente coinvolto in politica da almeno 20 anni e anche se il suo attivismo lo aveva regolarmente messo nei guai con le autorità. Nonostante questo, però, aveva continuato a combattere per la verità e una Cecoslovacchia libera.

Quando i sovietici invasero il paese, fu costretto a interrompere la sua carriera di artista e venne mandato a lavorare in una fabbrica di birra. Questo non bloccò le tendenze artistiche di Havel però, che continuò a realizzare opere che mettevano in luce le bugie e gli inganni commessi dai comunisti. Havel collaborò anche con un certo numero di pubblicazioni illegali, chiamando a raccolta i sostenitori con il suo odio per il regime totalitario e facendo appello ai leader del paese ad essere più sinceri nei loro rapporti con la gente. Questi appelli alle alte sfere dei governanti comunisti non vennero ascoltati, anzi, Havel venne imprigionato per quattro anni per aver aiutato a fondare Carta 77.

Nel 1989 divenne chiaro che il comunismo era vicino al collasso. A questo punto, molti tra i cechi che desideravano un cambiamento si rivolsero a Havel, che si era trasformato in una figura di primo piano nella lotta per le riforme politiche. In questo periodo Havel aveva anche mostrato un’enorme statura morale e un notevole talento per la politica, di solito attraverso la scrittura prodotta dalla sua cella.

In data 18 dicembre 2011, Václav Havel è scomparso dopo una lunga battaglia con la malattia.

 

Legacy Havel

Tribute to the former president Vaclav HavelPotrebbe essere sorprendente scoprire che Václav Havel ha una reputazione molto più controversa nella Repubblica Ceca rispetto a quanto si pensi di lui all’estero. Mentre è quasi universalmente rispettato, non è però considerato come la coscienza della nazione, come la percezione sembra essere all’estero.

Una delle interviste più rivelatrici cui abbia mai preso parte risale al 2009, quando gli fu chiesto di valutare quanto bene i leader della Rivoluzione di Velluto avessero fatto nel conseguire i loro obiettivi a partire dal 1989. Se da una parte Havel dichiarò che la maggior parte degli obiettivi era stato raggiunto, dall’altra criticò la meschina partitocrazia che è arrivata a dominare il sistema politico del paese, e che ha la responsabilità di aver ostacolato il ritorno della società civile.

Havel lascia anche un’eredità letteraria alle spalle. Riprese nuovamente a scrivere una volta che il suo passaggio in politica si concluse, e una delle sue ultime opere è stato un pezzo teatrale chiamato “Leaving”, in cui si prende in giro la vanità dei politici dell’Europa centrale. Ha anche scritto la sua autobiografia dal titolo “Per il Castello e Bach”, e vi è un adattamento cinematografico in arrivo basato sull’adattamento per schermo del suo libro “Il fantasma di Monaco di Baviera”, adattamento di Georges-Marc Benamou.

Check Also

L’Uccisione di Reinhard Heydrich

Nel mese di settembre del 1941, Reinhard Heydrich, una della menti dietro la Shoah, numero 2 in comando delle SS e favorito personale di Hitler, accettò di sostituire l'inefficace Otto Neurath, come governatore della Repubblica Ceca. Heydrich comprese a fondo la parte che il Protettorato di Boemia e Moravia, sponsorizzato dai nazisti, avrebbe avuto negli sforzi bellici della Germania, dato che questa grande area industriale comprendeva due delle più grandi fabbriche di armamenti d’Europa, una a Brno, e l'altra a Pilsen.