L’eredità ebraica di Praga

Duemila anni fa, i romani espulsero gli ebrei da Israele (Terra Santa), tuttavia “La Torah fu il loro santuario che nessun esercito potè distruggere.” Nel corso dei secoli successivi, la cultura ebraica è così sopravvissuta in enclaves in tutto il mondo. Inizialmente gli ebrei arrivarono a Praga durante il X secolo. L’incrocio principale del quartiere ebraico (vie Široká e Maiselova) serviva come punto di incontro per due rotte commerciali medievali.

L'eredità ebraica di Praga

Durante le crociate del XII secolo, il Papa ha affermato che i cristiani e gli ebrei avrebbero dovuto essere separati. Gli ebrei furono costretti ad indossare un distintivo giallo, e il loro quartiere fu murato e trasformato in un ghetto. Durante i secoli XVI e XVII, Praga aveva uno dei ghetti più grandi d’Europa, con ben 11000 abitanti. All’interno delle sue 6 porte, il quartiere ebraico di Praga conteneva una pletora di duecento edifici in legno. Molti commentavano che gli ebrei “avevano qui il loro nido” piuttosto che “vi abitavano”.

Questi “emarginati” del cristianesimo per la loro sopravvivenza dipendevano prevalentemente dai profitti realizzati concedendo prestiti (che i cristiani avevano l’obbligo di non concedere) e dal sostegno della comunità. Anche se il denaro gli forniva una forma di protezione (i re tassavano pesantemente le comunità ebraiche), spesso era anche uno svantaggio. In tutta Europa, quando i tempi erano duri e i debiti dei cristiani verso gli ebrei si accumulavano, intere comunità ebraiche vennero sterminate o cacciate.

Nel 1780, l’imperatore Giuseppe II eliminò gran parte di queste discriminazioni nei confronti degli ebrei. Principalmente, questa mossa fu causata da preoccupazioni economiche, non tanto da una illuminata libertà religiosa. Nel corso del 1848, i muri del quartiere ebraico vennero abbattuti, e questo quartiere, chiamato Josefov per onorare l’imperatore che aveva offerto un minimo grado di tolleranza, venne incluso come parte del quartiere della Città Vecchia.

Nel 1897, il vecchio e rustico Josefov fu raso al suolo e sostituito da una città più moderna – gli originali 220 edifici e 31 strade, furono trasformati nei 83 edifici 83 e 10 strade di oggi, e questo è ciò che vedrete: un bel quartiere di attraenti edifici, prevalentemente in stile liberty, che hanno poche strutture storiche ebraiche superstiti. Con il 1930, la comunità ebraica di Praga ottenne un enorme successo, grazie soprattutto alla capacità che avevano di coltivare il talento, una caratteristica rara nei piccoli paesi dell’Europa centrale, i cui cittadini, (nelle parole del famoso romanziere austriaco Robert Musil), sono stati uniti nella loro “reciproca riluttanza a lasciare andare avanti gli altri”.

Dei 120.000 ebrei residenti in questa zona nel 1939, solo 10.000 sono sopravvissuti all’Olocausto per vedere in prima persona la liberazione nel 1945. In questi giorni, ci sono solo 3000 ebrei “ufficiali” che vivono nella Repubblica Ceca e, di questi, solo 1.700 vivono a Praga (con ogni probabilità, vi sono più ebrei qui, ma, data la loro storia con i comunisti e i nazisti, si può capire perché molti di loro decidano di non registrarsi). Nonostante i piccoli numeri, l’eredità della comunità ebraica a Praga moderna è ancora viva.

L'eredità ebraica di Praga

PAT

Check Also

Václav Havel

Václav Havel era un drammaturgo ed ex-dissidente, che arrivò a diventare il presidente della nazione della Cecoslovacchia mentre compiva la sua transizione verso la democrazia e un’economia basata sul libero mercato. Václav Havel era un accanito fumatore, un uomo dall’aspetto trasandato che amava vivere una vita tranquilla. Per queste ragioni, era stato considerato un candidato improbabile per guidare la Cecoslovacchia fuori del regime comunista.