Karlstejn

Il Castello Karlštejn, che si eleva al di sopra dell’omonimo villaggio situato a 30 km a sud-ovest di Praga, è ottimamente conservato e non sfigurerebbe nella via principale di Disneyworld. La folla di visitatori che vengono a visitarlo è impressionante, ma la pacifica campagna intorno a Karlštejn offre paesaggi straordinari. Arroccato su una rupe che domina il fiume Berounka, questo gruppo di torrette, alti muraglioni e torri è ben conservato e fortemente evocativo. È giustamente una delle principali attrazioni della Repubblica Ceca, e l’unico inconveniente è la sua travolgente popolarità: in estate è letteralmente assalito dai visitatori, che si riversano nelle varie gelaterie e bancarelle di souvenir.

Castello Karlštejn

Prague to  Karlštejn Transport. Alternativa al treno o all’autobus. Prenota un economico minibus privato porta-a-porta. 

Il castello è dominato dalla grande Torre prismatica con la cappella di san Croce, consacrata nella primavera del 1357, che è sicuramente il punto più rappresentativo del castello. Le volta sono decorate con pietre preziose a forma di croci e vi è una collezione unica di centoventi dipinti, la maggior parte del maestro Theodorico, raffiguranti santi, papi e vescovi, sovrani e dottori della legge. Sopra l´altare si trova una nicchia chiusa da un’inferriata d’oro, nella quale sono conservati le insegne e le reliquie dell‘incoronazione imperiale. La volta raffigura il cielo stellato con la luna, il sole e i cinque pianeti allora conosciuti.

 

Visite Guidate del Castello

Ci sono due visite guidate all’interno del castello, la prima delle quali passa attraverso la Sala del Cavaliere, la camera da letto di Carlo IV e la Casa dei Gioielli, che include i tesori della Cappella della Santa Croce e una replica della Corona si San Venceslao. Il secondo vi porta alla Torre Grande, al museo sul lavoro di Mocker, alla Torre Mariana e alla Cappella della Santa Croce. Si consiglia di prenotare il secondo tour con largo anticipo, dato che solo 12 visitatori vengono ammessi all’interno della Cappella della Santa Croce. In estate ci sono spesso delle mostre storiche.

Ingresso: dipende dalla visita guidata 200 CZK o 300 CZK.

 

Orario di apertura

Luglio-agosto tutti i giorni 9:00-12:00 & 12:30-18:00; maggio, giugno e settembre, mar-dom, 9:00-12:00 & 12:30-18:00, chiuso lunedì; marzo, aprile e ottobre, mar-dom, 9:00-12:00 & 13:00-17:00, chiuso lunedì; da novembre a febbraio, sab-dom, 10:00-12:00 & 13:00-15:00, chiuso dal lunedì al venerdì.

 

Centro informazioni

Apertura: 8-20; il centro informazioni Pensione Vinice si trova sul lato opposto della strada, di fronte al mini parcheggio.

 

Mangiare a Karlštejn

È anche possibile pranzare o cenare in uno dei pub o ristoranti di Karlštejn. Pod Draci Skalou è un grazioso ristorante ceco tipico, con tavoli all’aperto e una griglia per barbecue. Le portate principali costano tra 110 e 250 CZK (€ 4 e 9).

 

Orientamento

La stazione dei treni dista dal paesino circa 10 minuti a piedi. Svoltate a sinistra uscendo dalla stazione, attraversate il fiume e girate a destra. Una volta raggiunto il parcheggio del paesino il castello dista circa 1 km, passando davanti a molte bancarelle di cristalli e souvenir. In alternativa, prendete un taxi in condivisione (100 CZK – € 3,60 — a testa) oppure una carrozza con cavalli (150 CZK – € 5,50 – a testa), partendo dal parcheggio per le auto. Se siete alla guida della vostra auto, ricordate che ai veicoli privati non è consentito arrivare al castello. Per questo motivo potreste considerare l’idea di prenotare un’escursione.

 

Come arrivare

Karlstejn è situato a 35 km sud-ovest di Praga. È possibile prendere un treno da Beroun a Hlavni Nadrazi (Stazione Principale) o da Praha-Smichov per fermarsi a Karlstejn (40 minuti, ogni ora). I biglietti costano circa 60 CZK. Per evitare difficoltà, è meglio prenotare una visita guidata con il trasporto incluso.

Suggerimento: è meglio prenotare in anticipo per le visite guidate o prenotare un’escursione guidata da Praga.

 

Il Club di Golf a Karlštejn

Nel Club di Golf a Karlštejn, fondato nel 1993, si è tenuto il primo P.G.A. Tour europeo nel 1997. Prevede un campo con 18 buche, par 72 sulla collina proprio al di là del fiume rispetto al castello. Offre anche delle splendide vedute. Questo campo è uno dei pochi nella Repubblica ceca che mette davvero alla prova l’abilità dei golfisti. È un campo in salita sulla collina dove i golfisti devono trascinare le mazze tra le buche in salita. Le partite qui sono un po’ più costose dei prezzi standard del paese (il costo di una piazzuola parte da 2000 CZK — € 73), anche se ne vale la pena per gli amanti del golf. In più, sono a disposizione un centro per rilassarsi e un ristorante, una sauna, i massaggi e una piscina, dove potete lasciarvi andare dopo una dura giornata sui campi. È necessario prenotare per i week-end. Visitate wwww.karlstejn-golf.cz. Orario di apertura> dalle 8:00 al tramonto tutti i giorni.

 

[mappress mapid=”86″]

 

Storia

Karlštejn è il più importante castello ceco ed anche uno dei simboli del regno Boemo. Fu fatto erigere a tre differenti livelli di altezza dal re boemo ed imperatore del Santo Romano Impero Carlo IV nel 1348. Il livello inferiore ospitava le camere e le sale abitate dall‘imperatore, da sua moglie e dal suo seguito. Al livello intermedio, fu costruita la chiesa della Vergine Maria, con un corridoio che la collega alla cappella priva di Carlo IV, consacrata a santa Caterina, la sua patrona, che simbolizza la purificazione. Il livello superiore era rappresentato da una torre prismatica con la cappella di san Croce, raffigurante la volta celeste. Originariamente, il castello era stato concepito come luogo di riposo e relax, ma durante la sua costruzione, che durò più di sette anni, cambiò l’idea dell’uso da farne; il castello diventò il luogo dove conservare i gioelli dell’incoronazione, cechi e imperiali e le preziose reliquie dei santi. All‘epoca di Carlo IV fu soprattutto una sede rappresentativa, distante da Praga solo un giorno di cavallo, e dove si incontravano i maggiori rappresentanti dell’élite politica europea.

Durante le guerre ussite il castello fu il bersaglio degli attacchi ussiti. La qualità della sua fortificazione venne confermata nel 1422, quando fu inutilmente assediato dai praghesi. Alla fine del XV secolo, vennero apportate delle modifiche in stile tardo gotico, che portarono anche alla ricostruzione del campanile, modificando così la silouhette del castello. Durante gli anni 1578–1597 sono state realizzate molte riparazioni e ricostruzioni in stile rinascimentale. Nel 1625 l´imperatore Ferdinando II, abolì lo statuto di Karlštejn e il castello e anche i suoi domini entrarono a far parte della dote delle regine boeme, fino a quando l‘imperatrice Maria Teresa lo donò all‘Istituto delle nobildonne, che da quel momento iniziò a gestire economicamente tutto il territorio. Solo alla fine del XVIII secolo il valore storico del castello di Karlštejn fu apprezzato, e nel 1887, si iniziò un’opera di restuaro e pulitura del castello, sotto la direzione dell‘architetto Josef Mocker. Alcune parti del castello furono demolite, altre costruite e infine Karlštejn ottenne la sua immagine attuale. Nel 1910 è stato aperto al pubblico.

PAT

Check Also

Karlovy Vary

Karlovy Vary merita completamente il suo status di seconda località turistica più visitata della Repubblica Ceca. Questa famosa località termale si trova a 130km da Praga, nella parte occidentale della Boemia. Karlovy Vary ha guadagnato la sua reputazione grazie alla scoperta di sorgenti calde naturali, la cui storia risale al Medioevo. Se vogliamo essere più precisi, le acque furono scoperte da Carlo IV, mentre era a caccia di cervi nel XIV secolo. Nel 1522 il Dottor Payer di Loket definì le proprietà delle acque in un trattato medico e la loro fama iniziò a diffondersi. Entro la fine del XVI secolo si potevano contare più di 200 edifici termali, ma l’aspetto attuale della città è stato plasmato principalmente nel XIX secolo.