Home / Attrazioni / Il Monastero di Strahov

Il Monastero di Strahov

Il monastero, che divenne famoso con il nome di monastero di Strahov, non era tanto conosciuto fino al 1143 quando un gruppo di Premostratensi si stabilì qui. I Premostratensi sono un ordine monastico della Chiesa Cattolica Romana fondato nel 1120 da San Norberto. Conosciuti anche col nome di Norbertini o Canoni Bianchi. Durante il periodo comunista il monastero venne chiuso e molti monaci vennero imprigionati. Più tardi quando il regime comunista era crollato ritornarono, nel 1990. L’area del monastero include la Chiesa di St. Roch, la Chiesa di Nostra Signora dell’Ascensione, nella quale si dice abbia suonato l’organo Mozart nel 1787, la Galleria di Pittura Strahov e la singolare Biblioteca Strahov.

Strahov bibliotecaLa meravigliosa biblioteca è situata in grandi sale dai soffitti decorati con affreschi Barocchi. È la più vasta biblioteca monastica del paese, consiste in due sale barocche ed ha oltre 800 anni. La biblioteca contiene più di 130.000 volumi, dei quali 2.500 libri pubblicati prima del 1500, insieme a 3.000 manoscritti. Il libro più antico è il Vangelo di Strahov risalente al nono secolo. Altre opere includono quelle di famosi tipografi come per esempio Christoffel Plantin di Antwerp.

Qui si trova anche una Sala della Filosofia su due piani datata 1780 con i suoi soffitti decorati con una deliziosa composizione intitolata l’Evoluzione Spirituale dell’Umanità di Franz Maulbertsch. L’atrio fuori della sala ospita un Gabinetto delle Curiosità che dovete assolutamente vedere.

Questo corridoio conduce alla Sala della Teologia (con un soffitto a volta decorato a stucco in stile Barocco) datata 1679, realizzata da Giovanni Orsi. La Sala della Teologia ha le pareti arredate con elaborate librerie intagliate, zeppe di preziosi volumi e manoscritti. Incidete il vostro nome su di un chicco di riso nel Museo della Miniatura.

Il Monastero di Strahov

[mappress mapid=”19″]

Check Also

Ponte Carlo

Il Ponte Carlo (Karlův most), risalente al XIII secolo e fiancheggiato per mezzo chilometro da statue barocche rientra tra le attrazioni turistiche più popolari della città. Passeggiare lungo questo ponte intrigante con vedute stupende sul Castello di Praga e il fiume Vltava è l’attività che tutti preferiscono. Purtroppo il ponte è vittima della sua stessa popolarità: la maggior parte del tempo è affollato di turisti e cechi, soprattutto nei mesi primaverili ed estivi.