Charles University di Praga

Nel corso del 1300, gli studenti della Charles University inizialmente studiavano le arti, poi passavano ad una fra tre altre discipline: diritto, teologia e medicina. La teologia era ritenuta la più importante. La provenienza degli studenti era assai variegata e i corsi venivano tenuti in latino. I Cechi erano solo il 25% sul totale degli studenti.

Charles University di Praga

Durante la caotica era della riforma hussita, nei primi anni del 1400, l’università modificò le sue regole per garantire un maggiore potere per gli studenti Cechi. In opposizione a questo, numerosi professori e studenti stranieri lasciarono Praga e fondarono la prima università in Germania, a Lipsia. I nazionalisti Cechi celebrarono l’evento come una vittoria sui non-cechi, ma le nuove politiche fecero precipitare la Charles University da una posizione di centro europeo di apprendimento ad una istituzione provinciale.

Durante il 1600, l’università prevalentemente protestante passò ai gesuiti. Tuttavia, durante il 1780,  l’imperatore Giuseppe II d’Asburgo si sbarazzò dei Gesuiti, fece modificare la lingua di insegnamento dal latino al tedesco, e aprì l’università ai non cattolici. I Cechi non furono liberi di imparare nella loro lingua madre fino al 1882. Questo avvenne quando l’università fu divisa in due diversi centri; il centro tedesco è stato chiuso nel 1945.

In questi giorni, la Citta Vecchia vive una doppia esistenza, sia come campus universitario ch come centro commerciale. Sebbene possano essere circondati da bancarelle di souvenir sul lato esterno, numerosi edifici hanno classi che sono state utilizzate da docenti per centinaia di anni. Molti dei cortili più nascosti del centro storico hanno offerto agli studiosi cechi spazio per due dei loro bisogni più vitali: discussioni ispirate e buona birra

Da sempre un punto focale per il pensiero politico ceco, Charles University ha suscitato rivoluzioni e problemi. Qui è dove Jan Hus richiese la riforma della Chiesa, i moti del 1848 e il 1618 furono innescati dagli intellettuali universitari e, in tempi moderni, gli studenti si radunarono qui contro i regimi fascisti nel 1968, 1948 e 1939. I tedeschi chiusero tutte le università ceche durante il corso di tutta la Seconda Guerra Mondiale. Successivamente, i comunisti licenziarono i professori che non aderivano alla loro linea di partito, e li sostituirono con candidati selezionati a seconda del loro background di classe, a prescindere dalla loro capacità. Nel novembre del 1989, la Rivoluzione di Velluto, che espulse i comunisti dal potere, iniziò come una protesta studentesca.

Dopo il 1989, anche se molti professori tornarono alle loro aule, il sistema di istruzione deve ancora essere riformato dalla tradizione dei regimi fascisti. Fin dall’inizio, gli studenti vengono istruiti a memorizzare, invece di pensare liberamente, la conoscenza viene valutata dai fatti e non su una qualsiasi capacità di utilizzarli. Anche a livello di laurea, gli studenti raramente hanno il coraggio di sfidare l’opinione del professore.

Charles University riesce ancora ad attirare i migliori studenti slovacchi e cechi. Come la maggior parte d’Europa, nella Repubblica Ceca l’istruzione universitaria è disponibile gratuitamente, e gli alloggi per gli studenti sono fortemente sovvenzionati. Si potrebbe pensare che l’ingresso gratuito dovrebbe rendere l’istruzione universitaria più accessibile per gli studenti meno abbienti, tuttavia questo non è spesso il caso. Non potendo investire capitali sufficienti nel sistema educativo, lo stato non possiede i mezzi per costruire più scuole. La domanda supera quindi l’offerta, così appena il 33% di coloro che escono dalla scuola superiore vengono accettati nelle università, e solo il 50% dei richiedenti ottiene l’ammissione. Gli studenti provenienti da famiglie altamente istruite di solito fanno meglio in questo sistema, nel quale gli studenti iniziano a venire selezionati già dal decimo anno di età.

Gli insegnanti sono mal pagati (anche i professori universitari di ruolo vanno avanti a stento), e le biblioteche sono senza fondi. Di conseguenza, anche gli studenti stanno facendo pressione perché vengano introdotte moderate tasse al fine di migliorare l’accesso educativo, e così permettere ai professori di utilizzare il tempo sprecato per fare secondi lavori per dedicarsi alla ricerca e alla preparazione della lezioni. In ultima analisi, il destino delle tasse scolastiche è nelle mani dei politici, che spesso prestano maggiore attenzione allo stato d’animo dell’opinione pubblica di quanto non facciano per il punto di vista di insegnanti e studenti.

PAT

Check Also

Ponte Carlo

Il Ponte Carlo (Karlův most), risalente al XIII secolo e fiancheggiato per mezzo chilometro da statue barocche rientra tra le attrazioni turistiche più popolari della città. Passeggiare lungo questo ponte intrigante con vedute stupende sul Castello di Praga e il fiume Vltava è l’attività che tutti preferiscono. Purtroppo il ponte è vittima della sua stessa popolarità: la maggior parte del tempo è affollato di turisti e cechi, soprattutto nei mesi primaverili ed estivi.