Castello di Konopiště

Konopiště, situato nel mezzo di un’ampia tenuta di campagna situata a 2 km a ovest del villaggio di Benešov (circa 50 km a Sud di Praga), rappresenta la testimonianza vivente delle due ossessioni dell’arciduca Francesco Ferdinando: la caccia e San Giorgio. Dopo aver rinnovato l’enorme edificio rinascimentale Gotico nel 1890, installandovi la più moderna tecnologia di allora – inclusi elettricità, riscaldamento centralizzato, wc con lo scarico ad acqua, docce ed un lussuoso ascensore – Francesco Ferdinando decorò la propria dimora con i suoi trofei di caccia. Il suo diario documenta come l’arciduca nella sua carriera di cacciatore abbia ucciso almeno 300.000 creature nell’arco della sua vita, inclusi volpi, cervi, elefanti e tigri. All’incirca 100.000 trofei animali adornano le pareti dell’affollato Corridoio dei Trofei (Tour I e Tour III), e ognuno riporta la data e il luogo dove l’animale è stato ucciso, per un numero impressionante di teste di animali appese. Anche la Chamois Room adornata di corna-ramificate (Tour III), con il suo ‘lampadario’ avvolto da un condor imbalsamato, rappresenta sicuramente un particolare curioso da vedere.

Prague – Konopiště. Prenota online un trasferimento con un comodo minibus. Gli autisti parlano inglese.

Castello di Konopiště

Sono disponibili tre tour guidati. Il Tour III è il più interessante, e vi permetterà di visitare gli appartamenti privati dell’arciduca e della sua famiglia, che rimasero intatti da quando lo stato prese possesso del castello nel 1921. Il Tour II copre la Grande Sala d’Armi, una delle più vaste ed impressionanti collezioni di tutta Europa. Tour I e II in inglese costano rispettivamente per adulti/bambini 200/130 CZK (8/5 EUR).

La collezione di manufatti relativi a San Giorgio posseduta dall’arciduca non è meno notevole, visto che ammonta a 3.750 pezzi, molti dei quali sono esposti nel Museo di San Giorgio (Muzeum sv Jiří; adulti/bambini 30/15 CZK -1,2/0,60 EUR; apertura dalle 9:00 alle 17:00 dal Giovedì alla Domenica Maggio-Agosto; dalle 9:00 alle 16:00 dal Giovedì al Venerdì 9:00-17:00 il Sabato e la Domenica Settembre; dalle 9:00 alle 15:00 dal Martedì al Venerdì, dalle 9:00 alle 16:00 Sabato e Domenica; Aprile e Ottobre, dalle 9:00 alle 15:00 Sabato e Domenica a Novembre; chiuso da Dicembre a Marzo e da mezzogiorno alle 13:00 tutto l’anno) sotto la terrazza di fronte al castelloCome arrivare con l’autobus: ci sono autobus che partono dalla stazione di Roztyly, la stazione della metro è quella in direzione di Benešov (40 minuti, due corse all’ora) – la destinazione finale è solitamente Pelhřímov o Jihlava. Ci sono anche autobus che partono dalla stazione di Florenc a Praga in direzione di Benešov (40 minuti di viaggio, otto corse al giorno).

Come arrivare con il treno: i treni che vanno a Konopiště sono normalmente treni diretti che partono dalla stazione di Hlavní Nádraží a Praga in direzione Benešov u Prahy (68 CZK 3-EUR,  1 ora e ¼ la durata della corsa, partenze ogni ora).

Konopiště si trova a 2 km ad ovest di Benešov. Il bus locale nr.2 (10 CZK 1,2-EUR, impiega sei minuti e parte ogni ora) parte dalla fermata di Dukelská, 400 metri a nord della stazione dei treni (girate a sinistra appena fuori dalla stazione, prendete la prima a destra su Tyršova e quindi la prima a sinistra) in direzione del parcheggio auto del castello. Se preferite camminare, girate a sinistra appena usciti dalla stazione dei treni, andate a sinistra attraversando il ponte verso la ferrovia e seguite via Konopištská in direzione ovest per circa 2km.

Potete anche prenotare escursioni private o a bordo di bus se preferite risparmiarvi il fastidio di usare i mezzi pubblici.

 

PAT

Check Also

Karlovy Vary

Karlovy Vary merita completamente il suo status di seconda località turistica più visitata della Repubblica Ceca. Questa famosa località termale si trova a 130km da Praga, nella parte occidentale della Boemia. Karlovy Vary ha guadagnato la sua reputazione grazie alla scoperta di sorgenti calde naturali, la cui storia risale al Medioevo. Se vogliamo essere più precisi, le acque furono scoperte da Carlo IV, mentre era a caccia di cervi nel XIV secolo. Nel 1522 il Dottor Payer di Loket definì le proprietà delle acque in un trattato medico e la loro fama iniziò a diffondersi. Entro la fine del XVI secolo si potevano contare più di 200 edifici termali, ma l’aspetto attuale della città è stato plasmato principalmente nel XIX secolo.