Ristoranti

Storia della Birra Ceca

Oltre alle lenti a contatto, i cubetti di zucchero e Semtex, la più grande rivendicazione dei Cechi è quella di aver inventato la birra Pilsner originale. Come ogni normale pub bohème sa, verso la fine degli anni 1830, gli abitanti di lingua tedesca di Pilsen, che si trova a 90 km a ovest di Praga, erano disgustati dalla birra locale, una birra scura, torbida ad alta fermentazione di dubbia qualità. Nel disgusto, fondarono la Bürgerliches Brauhaus e impiegarono un birraio bavarese, Josef Groll che, nel 5 ottobre 1842, produsse la prima birra lager del mondo, una birra a bassa fermentazione conservate in grotte fresche. Il malto pallido di Moravia, il luppolo Saaz e l’acqua dolce locale crearono una birra chiara e dorata che all’epoca fece scalpore. Allo stesso tempo apparse sul mercato, vetro a buon mercato prodotto in serie che esaltava splendidamente il colore e la chiarezza della nuova birra. La nuova rete ferroviaria fece sì che la birra fosse trasportata in tutta l’Europa centrale, e così le birre Pilsner divennero di gran moda.

I metodi di fermentazione sono rimasti quelli tradizionali fino alla caduta del Comunismo, dopo di che la maggior parte dei grandi produttori di birra preferì la modernizzazione: pastorizzazione, de-ossidazione, rapida maturazione e iniezioni di anidride carbonica – che portarono a una conservazione più lunga, ma con meno gusto e più fizz. I birrifici più piccoli della Repubblica Ceca furono inghiottiti da quelli più grossi o chiusero i battenti. Verso la metà degli anni 1990, erano rimaste solo sessanta birrifici cechi, con quella più grande di proprietà delle multinazionali. Tuttavia, negli ultimi dieci anni sta nascendo una nuova generazione di micro birrifici, che rifiutano la tecnologia moderna e stanno producendo alcune delle più gustose e singolari birre che potete mai gustare.

Articoli Correlati

Leggi anche
Close
Back to top button