Passeggiata da Ponte Carlo a Piazza della Città Vecchia

Mentre molte città europee sono state danneggiate, e a volte rase al suolo a causa di disastri e conflitti – non da ultima, la Seconda Guerra Mondiale – Praga è stato più fortunata. Quando si guarda attraverso la Moldava dal banco est verso il Castello, molti hanno confessato di sentirsi tra le pagine di un libro di favole.

La Città Vecchia di Praga è un insediamento medievale che, uniti successivamente da Carlo IV alla Città Nuova nel XIV secolo, trasformò Praga nella terza città più grande d’Europa di quel tempo. Anche se il suo soprannome, la “Città d’Oro”, viene spesso attribuito alle spettacolari vedute panoramiche di Praga quando cattura la luce del sole, l’origine è molto più pratica. Le Riserve d’oro della città venivano conservate in cima al tetto del Castello di Praga.

Praga continua a svilupparsi nel XXI secolo, forgiando una propria identità moderna. Un primo esempio di questo è la “Casa Danzante”, chiamata anche affettuosamente come la casa di Ginger e Fred, che è in bilico sul bordo della Moldava, presso Jiraskuv.

1.  Iniziate all’estremità occidentale del Ponte Carlo a Malá Strana (traducibile con Piccolo Quartiere o Città Piccola). E’ arrivato il momento di prepararvi per la più grande attrazione turistica della città. Guardando tutti gli altri ponti che attraversano la Moldava oggi, è difficile credere che il Ponte Carlo fosse in effetti l’unico a farlo fino al 1841. Dal suo completamento all’inizio del XV secolo in poi, si può immaginare quanto frequentato il Ponte fosse – stracolmo di commercianti e delle loro merci, che facevano il loro tragitto dalla Città Piccola al centro storico. Nonostante la moltitudine di modi oggi disponibile per attraversare il fiume, il Ponte Carlo resta affollato come non mai.

2.  Facendosi strada a forza tra turisti felici, artisti di strada e venditori ambulanti (a meno che non vi siate alzati all’alba per battere la folla), cercare di raggiungere uno dei due lati del ponte, ognuno dei quali presenta una fila di statue barocche di santi. Le statue originali sono state collocate sul ponte all’inizio del XVIII secolo, anche se poi sono state tutte sostituite con delle copie. In particolare, cercate di trovare la statua di san Giovanni Nepomuceno, che fu gettato nel fiume e ucciso per ordine del re Venceslao nel 1393. Si dice che toccare la targa d’oro alla base della statua porti fortuna. Sentitevi liberi di partecipare alla coda dei turisti superstiziosi per vedere se funziona.

3.  Quando alla fine riuscirete a raggiungere l’altro lato del ponte, senza dubbio avrete goduto un po’ di musica all’aperto e riso di alcune delle caricature che vengono schizzate lungo il percorso, raggiungendo la Tower Bridge della Città Vecchia. Come la Torre delle Polveri in Náměstí Republiky, anche questa faceva parte delle fortificazioni del centro storico. Eppure, nonostante i suoi fini pratici, grazie ai suoi ornamenti in stile gotico, questo edificio è considerato uno dei più sorprendenti nel suo genere. Guardate verso l’alto mentre procedete attraverso il suo passaggio e ammirate i suoi dipinti del XIV secolo.

4.  Uscendo da Tower Bridge, sulla sinistra si trova la Chiesa di San Francesco Serafino – spesso trascurata a causa del suo essere circondata da così tanti altri monumenti. Appartiene all’Ordine dei Cavalieri della Croce con una Stella Rossa e fu fondata da S. Agnese di Boemia nel 1233. Lo spazio ove si trovava un ospedale-monastero viene ora usato come spazio espositivo, in cui è esposto un frammento del Ponte Giuditta: si tratta del ponte che era al posto del Ponte Carlo fino 1342.

5. Attraversate Křižovnická e scendete su Karlova; siete perdonati se pensate che questa strada è stata rovinata da una massa di negozi di souvenir e costosissimi ristoranti che servono gulasch. Tuttavia un esame più attento rivela tracce di storia, una delle quali risiede al numero 188/4. Questa è la ex casa di Johannes Keplero, il matematico e astronomo tedesco. E’ proprio in questa abitazione che Keplero formulò le leggi dei moti planetari. Mentre la strada si apre nella Liliova, si incontra l’ex-farmacia U Zlate Studne (Al Pozzo d’Oro), ornata con le facce dei guaritori della peste San Sebastiano (a sinistra) e San Rocco. Se questa storia cattura il vostro interesse, prendete in considerazione di visitare  il memoriale della peste che si trova un po’ più a sud, sulla riva orientale.

6.  Facendo una svolta a sinistra sotto l’arco nella parete nord della piazza, vi troverete nel parco del Clementinum, che costituisce attualmente la sede della Biblioteca Nazionale della Repubblica Ceca. Il suo nome deriva dalla cappella di San Clemente, che originariamente sorgeva sul sito. Da allora, l’area ha ospitato un convento domenicano, un collegio di gesuiti, e più tardi, un osservatorio. Il Clementinum è menzionato nel “Miracolo segreto” di Jorge Luis Borges

7.  Dopo aver fatto la vostra strada all’interno del Clementinum ed esser passati attraverso l’arcata dell’uscita, si arriva ad affacciarsi su Mariánské náměstí. Direttamente di fronte a voi si trova il Municipio di Praga, che ospita il sindaco della città, e alla vostra sinistra la Biblioteca Comunale, in cima alla quale è possibile vedere le statue che rappresentano i diversi soggetti del mondo accademico. Una piccola oasi di tranquillità tra il Ponte Carlo e Piazza della Città Vecchia, ci può essere qualcosa di inquietante in Mariánské náměstí, soprattutto di notte. Forse è qualcosa che ha a che fare con il costante stillicidio di acqua dolce proveniente dalla statua di una ragazza in un angolo della piazza. Oppure potrebbe trattarsi della nera figura in armatura che si trova alla sinistra del Municipio. E’ quella della Notte di Ferro – un personaggio maledetto che si dice torni in vita ogni 100 anni e infesti le strade, alla ricerca di vergini.

8.  Con il municipio ancora di fronte a voi, svoltate a destra in Husova, il cui monumento più interessante è il Palazzo Clam-Gallas, costruito dall’architetto italiano Domenico Canevale. Il peso del intero palazzo sembra essere sostenuto da due giganti di pietra, i loro muscoli scolpiti in una eterna tensione. Nel corso del XVIII secolo, il Clam-Gallas è stato la sede per molti grandi concerti, tra cui i più memorabili sono quelli due di Mozart e Beethoven. Un po’ più avanti lungo la strada, sulla sinistra si trova la chiesa di San Giles, e fuori di essa qualcuno sicuramente vi offrirà un volantino che pubblicizza un qualche concerto di musica classica. Uno dei predicatori più famosi di questa chiesa era Jan Milič di Kroměříž, uno dei principali sostenitori della Riforma Preussita.

9.  Questa zona è in effetti ricca di storia hussita, e come avrete probabilmente già capito, la via Husova prende il nome dal riformatore religioso Jan Hus. La ragione di questo è che una volta Hus predicò nella Cappella di Betlemme, che troverete in Betlémské náměstí, sulla destra poco prima di raggiungere la fine di Husova. Anche se l’edificio può ospitare fino a 3.000 persone non si è mai guadagnato il titolo di “chiesa”. Quando Hus fu scomunicato nel 1412, il Papa ordinò che la Cappella di Betlemme venisse abbattuta, ma l’ordine fu ignorato senza mezzi termini da parte del Consiglio della Città Vecchia, ed è quindi loro che dobbiamo ringraziare per la sua esistenza oggi.

10.  Tornando su Husova, alzate lo sguardo, e preparatevi perché il vostro cuore potrebbe saltare un battito, quando vedrete un uomo penzolare dal bordo di un edificio. Non temete però – non si tratta di un tentativo di suicidio, né un operaio in pericolo – è un’opera del controverso scultore ceco David Černý. A ben vedere, la statua ha una somiglianza inquietante con Sigmund Freud. Se vi piace lo stile di Černý, vi raccomandiamo di andare a vedere alcune delle sue altre opere, che includono due figure che urinano in una pozza a a forma di Repubblica Ceca, fuori del Museo Franz Kafka, e un gruppo di enormi neonati senza volto intenti a scalare le colonne della Torre Televisiva di Zizkov.

11.

Seguite via Skořepka fino a Uhelny TRH (si traduce come mercato del carbone, ed è esattamente ciò che questo posto una volta era). Se avete voglia di concedervi un buon bicchiere di vino della Moravia, fate una deviazione verso Michalská, dove potrete scoprire una fitta collezione di bar che prende vita ogni pomeriggio feriale con suoni di chitarra e di locali leggermente ubriachi. Se siete lì al momento giusto dell’anno, potreste anche avere la fortuna di gustare il leggendario burchak, una bevanda torbida fatta dalla prima vendemmia delle uve. In caso contrario, attraversate Uhelny TRH su Havelská, acquistate un souvenir della vostra passeggiata nel mercato delle pulci, quindi girate a sinistra su Melantrichova, che vi condurrà fino alla Piazza della Città Vecchia.

 

Check Also

Tour Panoramici in Auto d’Epoca

Un paio di agenzie offrono tour della città a bordo di auto ceche d’epoca, risalenti alla fine degli anni venti. Si può salire a bordo di queste auto in vari punti in diverse zone del centro storico; i tour partono secondo la disponibilità, o quando voi lo richiederete, se siete in numero sufficiente. La durata del tour è di circa 40 minuti.