La Città Vecchia

Questa è il quartiere più centrale di Praga, dove si trovano le attrazioni più famose. Qui troverete anche i ristoranti, i pub e i negozi più affollati. Durante il giorno, e perfino la sera, nugoli di turisti gremiscono le aree più visitate. Eppure, nonostante tutte le attività commerciali, continuano a esserci molti vicoletti che danno un’impressione accogliente, rara da trovare nel centro di altre città europee. Nel cuore della Città Vecchia c’è Piazza della Città Vecchia, fiore all’occhiello di Praga, con molta probabilità la più bella piazza d’Europa e un posto perfetto per orientarvi prima di proseguire ed esplorare altre zone.

La Città Vecchia (Staré Město), la cui creazione fu completata dopo il 1230 con la costruzione delle fortificazioni intorno alla zona della città in cui per due o tre secoli si trovavano insediamenti di mercanti di origine romanza, tedesca ed ebrea, comprendeva il mercato principale di Praga. Il risultato di questi sforzi alla fine del XIII secolo portò all’unificazione del diritto della Città Maggiore, come era chiamata a quel tempo, una delle più grandi città d’Europa in relazione alle sue dimensioni e vitalità economica. Dopo che venne fondata la Città Nuova, che letteralmente circondò la Città Vecchia, si verificò una graduale diminuzione nell’importanza economica del centro storico, come anche della sua superiorità politica sulle altre città di Praga. Tuttavia, questo passaggio fu così lento graduale e la tradizione era così solida che ancora nell’anno 1784, quando tutta Praga fu unita, il Municipio della Città Vecchia divenne la sede dell’amministrazione della Praga unificata.

Ancora oggi, la Città Vecchia è considerata come il centro naturale di Praga e Piazza della Città Vecchia (Staromestske namesti) è considerata il centro della città. Tuttavia, ciò che ne costituì il limite nei tempi antichi, vale a dire l’impossibilità per le persone che vivevano nel centro storico di espanderlo dal punto di vista costruttivo, dal presente punto di vista architettonico appare come un dono di inestimabile valore: questo può essere confermato da chiunque abbia visto monumenti storici come l’Orologio Astronomico della Città Vecchia (Staromestsky orloj), la Chiesa della Vergine Maria di Tyn, la Porta delle Polveri, la Cappella di Betlemme, ma soprattutto, dal modo univoco in cui si è conservato l’abitato medievale di tutta la Città Vecchia.

Oggi, l’attrazione principale della piazza è l’Orologio Astronomico. Questo orologio non solo  misura l’ora del giorno, ma anche il mese e la stagione. Inoltre mostra i segni dello zodiaco (lo zodiaco tradizionale, non quello nuovo che ha recentemente fatto notizia), il sole e le feste del calendario cristiano. Ogni ora la figura della morte (rappresentata da uno scheletro) appare e suona una campa che scandisce le ore e i dodici Apostoli appaiono sopra. Inoltre, il gallo canta e appaiono delle altre figure, come il turco che scuote la testa incredulo, l’avaro che guarda la sua borsa d’oro e Vanità che si controlla allo specchio.

Le parti più antiche dell’orologio sono l’orologio meccanico e il quadrante astronomico che risalgono al 1410. Si stima che la facciata dell’orologio e il quadrante del calendario siano stati aggiunti intorno al 1490, mentre le statue furono aggiunte nel XVII secolo e gli Apostoli durante i lavori di riparazione del 1865-1866.

Suggerimento: Raggiungete Piazza della Città Vecchia poco prima dello scoccare dell’ora se volete vedere l’orologio astronomico in azione.

 

Come muoversi nella Città Vecchia

Non c’è praticamente nessun trasporto pubblico nel centro storico, dato che la maggior parte delle strade sono o pedonali o vietate per autobus e veicoli di grandi dimensioni, ad eccezione di residenti locali e taxi, quindi il modo più comune per spostarsi è a piedi. Prendere un taxi è un’opzione, ma a causa del normale sovraccarico di turisti non ne vale la pena: ci vogliono infatti solo 15 minuti circa a piedi dalla Republiky Náměstí a Staroměstská. In questo settore vi sono tre fermate di metro: la più comoda è Staroměstská (cinque minuti a piedi da Piazza della Città Vecchia), Namesti Republiky (vicino a Na Příkopě e al centro commerciale Palladium), e Můstek (, dove Piazza Venceslao incontra la Città Vecchia).

 

PAT

Check Also

La Città Piccola (Malá Strana)

La Città Piccola (Malá Strana) era originariamente denominata Città Nuova di Praga, e solo successivamente prese il suo nome attuale. Fu fondata dal re Přemysl Otakar II nell'anno 1257. Tuttavia, nell’area esisteva un insediamento e un mercato già a partire dall’VIII secolo. Dopo la fondazione della città, i coloni originali vennero sostituiti da coloni di nazionalità per lo più straniera. Carlo IV estese la Città Minore di Praga con ulteriori lotti di terreno, ma la città, a causa di alcuni gravi incendi, rimase economicamente più arretrata - e politicamente dipendente - dalle città della riva destra della Moldava.